Colonna d'opinione

Un Milan schiacciasassi, che vola dopo la vittoria sulla Juventus allo Stadium, si ripresenta a Torino, asfaltando i granata. Una vera macchina da goal, ne facciamo addirittura sette. Non è una partita di tennis, è l’armata che vede materializzarsi il sogno champions league. Vincere contro il Cagliari significherebbe trasformare in realtà l’obbiettivo stagionale. Ante Rebic e Brahim Diaz, con la loro velocità portano a casa prestazioni e punti dal peso d’oro. Ora non devono tremare le gambe, cerchiamo di scongiurare il pericolo Atalanta, sarebbe una pazzia doversi giocare tutto a Bergamo. Il Gewiss Stadium è la trappola da evitare. Rossoneri siamo con voi!”

Ultimi articoli

L’ennesimo ricatto della coppia Donnaruma-Raiola

foto di Donnaruma da wilkimedia.commons.org Non è la prima volta che il portiere rossonero batte cassa alla scrivania della dirigenza del diavolo. Il precedente ricorda la sciagurata gestione Jong Hong Li. Con Donnaruma che chiedeva 2 milioni di più dei 4 offerti

Leggi Articolo

L’ennesimo ricatto della coppia Donnaruma-Raiola

foto di Donnaruma da wilkimedia.commons.org Non è la prima volta che il portiere rossonero batte cassa alla scrivania della dirigenza del diavolo. Il precedente ricorda la sciagurata gestione Jong Hong Li. Con Donnaruma che chiedeva 2 milioni di più dei 4 offerti

Leggi articolo

Colonna d'opinione

“Un Milan schiacciasassi, che vola dopo la vittoria sulla Juventus allo Stadium, si ripresenta a Torino, asfaltando i granata. Una vera macchina da goal, ne facciamo addirittura sette. Non è una partita di tennis, è l’armata che vede materializzarsi il sogno champions league. Vincere contro il Cagliari significherebbe trasformare in realtà l’obbiettivo stagionale. Ante Rebic e Brahim Diaz, con la loro velocità portano a casa prestazioni e punti dal peso d’oro. Ora non devono tremare le gambe, cerchiamo di scongiurare il pericolo Atalanta, sarebbe una pazzia doversi giocare tutto a Bergamo. Il Gewiss Stadium è la trappola da evitare. Rossoneri siamo con voi!”